L’APE NERA SICULA: LA SPECIE CHE RESISTE AI PESTICIDI E AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

 

ape nera sicula1

Le api sono minacciate un po’ ovunque dai pesticidi , dagli Usa all’Europa, ma c’è una specie che ha resistito più di altre ed è diventata praticamente immune ai cambiamenti climatici e ai danni inflitti dall’uomo all’ambiente. Non è una specie esotica, ma si trova proprio in Italia, precisamente in Sicilia: è l’ape nera sicula (Apis mellifera siciliana).

L’ape nera sicula è la razza che ha colonizzato la zona occidentale dell’isola. Questa piccola e operosa creatura, dall’addome molto scuro e una peluria giallastra, gode di una maggiore resistenza e può sopravvivere ai cambiamenti climatici. A differenza di molte sue simili, la cui vita è continuamente messa a rischio dal clima, nemico giurato delle api.

Ritrovati degli esemplari alla fine degli anni ’80 in alcuni alveari abbandonati, l’ape era quasi estinta. Di lontani origini africane, essa è particolarmente forte e resistente perché in un certo senso è rimasta come allo stato selvatico. E oggi sa anche sopravvivere indenne senza trattamenti farmacologici. Ma non solo. Una delle sue particolarità è che non va in blocco di covata durante l’inverno e durante i mesi più freddi produce miele di nespolo e di mandorlo, particolarmente ricchi di antiossidanti.

Dalla sua scoperta, ormai 30 anni fa, è partito poi uno studio specifico sull’ape nera, che venne portata su quattro isole: Ustica, Alicudi, Filicudi e Vulcano per la riproduzione in purezza. ”Le api si accoppiano in volo – spiega Amodeo al GdS – e la regina vola per chilometri. Per questo è stato necessario isolarle. Adesso c’è unprogetto della Regione per avviare la riproduzione della nostra ape sulla terra ferma”. Il progetto è stato portato avanti grazie al supporto di Slow food. L’ape nera sicula è infatti un predisio Slow Food.

ape nera sicula

“L’ape sicula ha una maggiore varianza genetica rispetto ad ogni altra sottospecie di ape mellifera Europea, ciò è dovuto alle sue origini Africane” spiega Amodeo sul proprio sito. Le api nere avrebbero inoltre “forte capacità di autodifesa, in venticinque anni di lavoro con l’ape sicula e con la sicula f1 non mi è mai successo che un’arnia o un nucleo con regina si lasciassero saccheggiare”.

Operiose e tenaci, piccole ma capaci di difendersi dall’uomo.

Francesca Mancuso

  • Scritto da Francesca Mancuso
  • GreenMe.it56

Lascia un commento